SEDE APERTA AL MARTEDI!

Scrivi ai Capitani!

Guarda le immagini del nostro sito!

GUARDA I NOSTRI VIDEO

Entra in Paypal per rinnovare la quota sociale!

TROVACI SU FACEBOOK!

I gadgets dei Capitani!

Leggi i racconti di TAGGIA!

Il mistero del brigantino “Asia”

L’Asia era un brigantino a palo di 798 tonnellate, costruito nel 1875 dai cantieri Briasco, armato da Erasmo Piaggio di Genova. I suoi traffici riguardavano principalmente le rotte dal Golfo del Messico all’Europa, trasportando campeche, cioè un legume che veniva impiegato nell’industria colorifera di quel tempo.
Nel novembre del 1885 partiva da Vera Cruz in Messico, diretto a Genova: attraversò normalmente l’Oceano e lo stretto di Gibilterra.

A gennaio 1886, inspiegabilmente, si sconquassò sugli scogli a nord di Carloforte, in Sardegna. I soccorritori non trovarono traccia dell’equipaggio, ma neanche segni di lotta o rapina; inoltre il suo carico era intatto. Solo le vele di gabbia (quelle più basse) erano issate, segno che la nave aveva fronteggiato una burrasca. La gente carlofortina sapeva bene che un relitto sulle sua costa significava essere stato vittima di una “mistralata” nel Golfo del Leone. Conclusero inoltre che, oltre il tempo cattivo, quel veliero non poteva essere stato soggetto ad ammutinamento o pirateria, cioè non vi erano segni di lotta. L’eventuale ipotesi della pazzia collettiva o del suicidio generale barcollava poichè quando l’equipaggio di una nave che aveva navigato per lungo tempo in Oceano e si trovava a due giorni da casa e dalle proprie famiglie, non era certo depresso.

Il teatro del mistero

Per aggiungere un’ulteriore coltre di mistero, dobbiamo spostarci a Genova, sempre nel gennaio 1886.
Nel pomeriggio di una cupa giornata, giungeva nel porto ligure un piroscafo inglese, il Gassend. Proveniva da Cardiff e il suo capitano riportava alla Capitaneria di aver incontrato durante una burrasca nel Golfo del Leone, il veliero genovese Asia in apparente stato di difficoltà. Nonostante gli avvertimenti emessi a voce o col fischio, da bordo del brigantino a palo non giungeva alcuna risposta. Lo sgomento assalì poi i marinai del Gassend quando notarono un lembo di vela che pendeva da un pennone, assumendo le lugubri sembianze di un impiccato! Pareva avessero incontrato una nave fantasma!
Il mistral quel giorno era implacabile ed era perciò impossibile avvicinarsi troppo al veliero; lasciarono perciò di poppa quela nave sinistra e proseguirono la navigazione verso Genova.

Il resto lo immaginiamo: senza equipaggio ed in preda al forte vento di Nord Ovest, l’Asia scarrocciò verso Sud Est, cioè verso le coste sarde.
Non immaginiamo però cosa sia successo al personale che si trovava a bordo; sembra certa un’ipotesi: tutti i marinai fecero o furono costretti ad una scelta…=

Bibliografia:
– GB Ferrari “Capitani e Bastimenti di Liguria”;
– T. Gropallo “Il romanzo della vela” – Mursia.

 

CENTRO INTERNAZIONALE RADIO MEDICO

Meteomare Camogli


Meteo Camogli

Navigazione, Astronomia e Teoria della Nave col Prof. Carlo Mortola

I Capitani vanno a teatro!

GUARDA LA WEBCAM DI CAMOGLI!

VISITA IL SITO SUI FARI DI LILLA MARIOTTI!

We use cookies to personalise content and ads, to provide social media features and to analyse our traffic. We also share information about your use of our site with our social media, advertising and analytics partners. View more
Cookies settings
Accept
Privacy & Cookie policy
Privacy & Cookies policy
Cookie name Active

Chi siamo

L’indirizzo del nostro sito web è: http://www.scmncamogli.com.

Media – Commenti

Se carichi immagini sul sito web, dovresti evitare di caricare immagini che includono i dati di posizione incorporati (EXIF GPS). I visitatori del sito web possono scaricare ed estrarre qualsiasi dato sulla posizione dalle immagini sul sito web. Il sito non registra nessun commento dai visitatori.

Cookie

Se visiti la pagina di login, verrà impostato un cookie temporaneo per determinare se il tuo browser accetta i cookie. Questo cookie non contiene dati personali e viene eliminato quando chiudi il browser.

Contenuto incorporato da altri siti web

Gli articoli su questo sito possono includere contenuti incorporati (ad esempio video, immagini, articoli, ecc.). I contenuti incorporati da altri siti web si comportano esattamente allo stesso modo come se il visitatore avesse visitato l’altro sito web.

Questi siti web possono raccogliere dati su di te, usare cookie, integrare ulteriori tracciamenti di terze parti e monitorare l’interazione con essi, incluso il tracciamento della tua interazione con il contenuto incorporato se hai un account e sei connesso a quei siti web.

Con chi condividiamo i tuoi dati

Il nostro sito web non condivide nessun dato personale.

Save settings
Cookies settings